Le fistole e le cisti sacro coccigee costituiscono una patologia di frequente osservazione per il proctologo.
Sono più frequenti nei maschi, nei soggetti irsuti con carnagione scura. Nell’adolescenza anche le donne possono essere soggette a questa patologia in un rapporto di 1 a 3.

La malattia esordisce generalmente con senso di fastidio nella regione sacrale localizzata prevalentemente nel solco intergluteo. Nella maggior parte dei casi si forma una piccola tumefazione che può andare incontro a frequenti episodi di regressione e di infiammazione, specialmente nella stagione estiva: la CISTI SACROCOCCIGEA.

Fino ad oggi la terapia più in uso era rappresentata dalla escissione del corpo estraneo con due modalità chirurgiche:

Tecnica aperta:
Questa consiste in una ampia asportazione della cute e dei tessuti della regione sacrale fino all’osso. La cavità residua, aperta, viene trattata con medicazioni ed il tempo di guarigione può anche essere molto lungo (da uno a tre mesi). Le recidive con questa tecnica sono dal 15 al25% nella casistica internazionale.

Tecnica chiusa:
Questa prevede, al contrario della precedente, la chiusura della cavità residua con punti di sutura e l’applicazione di un drenaggio. La rimozione dei punti e del drenaggio avverrà dopo 7/10 giorni. Seppure più confortevole delle tecnica aperta è indubbio che questa tecnica espone ad un maggior numero di recidive che sono nell’ordine del 20/25%.

Molto recentemente in alcuni ospedali specializzati in questo tipo di patologia è stata messa a punto una nuova tecnica mini invasiva che viene eseguita in regime ambulatoriale, necessita della sola anestesia locale e non prevede drenaggi né punti di sutura.

VANTAGGI DELLA TECNICA MINI INVASIVA:

  • Anestesia locale
  • Minimo impatto chirurgico
  • Terapia ambulatoriale
  • Ripresa precoce dell’attività lavorativa
  • Assenza di dolorose e lunghe medicazioni postoperatorie
  • Assenza di vaste cavità residue
  • Diminuzione delle recidive al 10%

Il Dottor Di Castro è specializzato nel trattamento di questa patologia con la nuova tecnica mini invasiva e ha al suo attivo una trentennale esperienza nel campo.

 

Approfondisci le varie fasi dell’intervento* Guarda il Video dell’intervento*

*Attenzione: la visione è sconsigliata alle persone sensibili